Michela

Michela Bortolussi

PSICOLOGA – PSICOTERAPEUTA

Qualcosa di me
Da piccola mi piaceva andare a scuola, certo anche le vacanze non erano male, ma il ritorno a settembre mi emozionava, potevo ricontrare i miei compagni, prendere i libri nuovi e annusarne il profumo… quanto mi piaceva accostare il naso alle pagine e ispirare profondamente assorbendo quell’odore di nuovo che prometteva di insegnarmi cose nuove. Ricordo che già elementari sapevo che avrei fatto un lavoro di aiuto al prossimo, ero indecisa fra veterinaria e psicologia… e alla fine ho scelto

Come intendo la mia professione?
Ritengo che la mia professione mi offra il grande privilegio di poter accompagnare le persone nel loro viaggio del cambiamento per raggiungere benessere, standole accanto quando, durante il percorso, incontrano ostacoli e difficoltà. Per fare questo è importante studiare tecniche e modelli di riferimento, non ci si improvvisa viaggiatori in territori inesplorati, per imparare a essere co-viaggiatori e non solo fare i co-viaggiatori

Cosa propongo nel concreto?
La tecnica psicoterapeutica che utilizzo, ovvero tecnica immaginativa del profondo – ITP, consiste nel mettere in contatto la persona con il proprio mondo immaginario, che non sono fantasticherie, ma la sede delle nostre risorse interiori e della creatività intesa come capacità di problem solving. Il percorso psicoterapeutico prevede l’utilizzo del rilassamento come fase propedeutica al raggiungimento della condizione ideale per accedere all’immaginario, in condizioni di totale consapevolezza e partecipazione attiva.

Mi riesce bene
Sorridere e fare delle difficoltà della vita delle lezioni in cui posso imparare qualcosa di me arricchendo le mie risorse personali

La frase che mi rappresenta
vivi e lascia vivere